Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
menu
Categorie

Grande festa in Irlanda e nel Mondo

Acquista subito

La celebre birra nera nata a Dublino nel 1759 è stata celebrata in occasione dei suoi 250 anni splendidamente portati. I festeggiamenti hanno preso il via il 24 settembre scorso alle 17:59 in punto, presso la distilleria di St James’s Gate. L’anniversario è infatti calcolato in base alla firma sul contratto d’affitto della distilleria stipulato da Arthur Guinness il 24 settembre 1759 che prevedeva il pagamento di 45 sterline all’anno per una durata di 9.000 anni. In occasione dello storico anniversario, ribattezzato Arthur’s Day, i pub di tutto il mondo hanno dato vita a celebrazioni e concerti. Il clou dei festeggiamenti si è avuto in un party esclusivo alla Guinness Storehouse di Dublino, ritrasmesso in centinaia di pub sui canali Sky, con ospiti Tom Jones, Kasabian ed Estelle. Ma tutta la capitale irlandese è stata coinvolta, con concerti di Kooks e Sugarbabes e altri artisti distribuiti tra 28 pub.
Tra i tanti concerti celebrativi, quello di Sean Pall a Lagos, in Nigeria, e dei Black Eyed Peas a Kuala Lumpur, in Malaysia. Guinnes, discendente di uno dei più antichi clan irlandesi, fu un imprenditore e un missionario seguace del metodista John Wesley e creatore delle prime scuole domenicali.
Dopo 250 anni la ricetta della sua birra resta ancora segreta; quel poco che si conosce è che viene utilizzato orzo arrostito. Da allora il successo è stato crescente in tutto il mondo, specialmente nel mondo anglosassone, dove sono celebri anche le campagne pubblicitarie: tra le tante, famosa quella in voga durante la Seconda Guerra Mondiale. Il manifesto raffigurava un bevitore che, durante un’incursione aerea correva a salvare il suo bicchiere di birra scura, con la scritta “My goodness, my Guinness”.

Vai all'archivio
abbonamenti riviste  |   regali originali  |   contatti