Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
menu
Categorie

Ricordami su
questo dispositivo

  Password dimenticata? | Non sei registrato? REGISTRATI

Categorie Riviste

ambiente energia & chimica
natura
analisi & gestione d'impresa
architettura & edilizia
arredamento & designarte
attualita'
botanica - orti & giardinicarta - artigrafiche - imballaggio
chimica - materie plastiche
cultura, societa' & politicaeconomia, diritto & finanzafood, cucina & enogastronomiagenitori & figlihobby & tempo liberoimpiantistica - impianto elettrico
internet, informatica & tecnologialibri di cucina
marketing & comunicazionemedicina & salutemoda cinema
beauty & estetica
pubblicazioni tecnico professionali per categoriascienza sporttecnologie alimentari
tecnologie per l'agricoltura
tecnologie per lo spettacolo
turismo & travel under 20varieveterinaria & zootecnica

LA REALTA' DOPO IL CINEMA

LA REALTA' DOPO IL CINEMAzoom

Acquista subito

11,50
 
+ 3,00 spedizione

All’origine di questo volume sta un convegno – il XIII Convegno Internazionale di Studi Cinematografici “Tertio Millennio”. All’origine di quel convegno stava un’idea: sia che il dispositivo teorico preesistesse alla possibilità della sua esistenza concreta, sia che, invece, sia stata la messa in collezione di una serie di scoperte e invenzioni a far nascere il cinema, dopo la comparsa dell’“immagine in movimento” il mondo non è stato più lo stesso.
Che il cinema abbia originato o seguito le rivoluzioni silenziose degli occhi e delle teste è discutibile. Quel che è certo è che dopo, non solo ci si è trovati nella necessità di ridefinire le categorie percettive e i modelli cognitivi, ma la stessa fisiologia della percezione si può dire abbia subito una lenta e sostanziale mutazione.
Mentre s’inizia a comprendere la ricchezza estetica ed espressiva del cinema, mentre i diversi ambiti disciplinari tentano nuove alleanze per dar conto, retrospettivamente, dello “shock” cinematografico, il cinema, forse è già finito. Che senso avrebbe dunque chiedersi cosa sia, oggi, il mondo “nell’era della sua riproducibilità tecnica”?
La risposta è che se forse il cinema come dispositivo materiale storicamente definito sta esaurendo la sua traiettoria, il cinema come organum dell’emozione e del pensiero è appena all’inizio del suo sviluppo.

 

Gli Autori - Silvio Grasselli (Roma, 1979) Dottorando in Cinema presso il Di.Co.Spe. dell’Università di Roma Tre, è saggista, critico cinematografico (carta stampata, web, TV) e filmaker. Selezionatore e organizzatore di festival e rassegne. Dal 1998 organizza e conduce seminari teorici e laboratori pratici sul cinema e su tecniche e linguaggi dell’audiovisivo per la scuola media superiore e inferiore.

Serafino Murri (Roma, 1966), caporedattore dal 1996 al 2000 di «Close Up» e «Filmaker’s Magazine», collaboratore di «Micromega» e «Bianco e Nero», critico cinematografico per «XL» di Repubblica, è autore delle monografie Pasolini (Il Castoro, 1994), Kieslowski (Il Castoro, 1996), Scorsese (Il Castoro, 2000), Salò o le 120 giornate di Sodoma (Lindau, 2001), dell’Enciclopedia del Cinema Treccani (2005). Selezionatore per la Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro (1998), selezionatore e curatore della sezione “Nuovi Territori” per la 59a e 60a Mostra del Cinema di Venezia (2002-2003), ha fatto parte del comitato artistico del RomaFictionFest (2007-2009). Docente presso l’Università Sapienza di Roma, la IULM di Milano e lo IED di Roma. È stato autore, regista e conduttore di programmi per Raisat Cinema World dal 1999 al 2006. Nel 2004 l’esordio cinematografico, Movimenti (co-regia Claudio Fausti), nel 2008 (con A. Arce Maldonado) il documentario The Music Hall of Rome, e nel 2009 (con Giorgio Colangeli), Angelo Azzurro Reloaded episodio finale di Feisbum.

Edizioni Fondazione Ente dello Spettacolo
Anno Pubblicazione: 2010
Numero Pagine: 192
Formato: 15x21





abbonamenti riviste  |   regali originali  |   contatti