Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
Area clienti
Login

Ricordami su questo dispositivo
Password dimenticata? Non sei registrato? REGISTRATI ORA
Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
menu

AREA CLIENTI
Ricordami su
questo dispositivo

  Password dimenticata? | Non sei registrato? REGISTRATI

Riviste femminili: quali sono le pi¨ lette?

In ogni edicola spiccano le riviste femminili perché sono numerose, patinate, con copertine accattivanti e titoli a effetto. Tutti le leggiamo, anche gli uomini di casa, perché sono notoriamente ricche di consigli, di risposte facili ai quesiti di tutti i giorni sulle diete e sulle tendenze di moda, ma danno anche spazio al gossip, alle novità su libri e film e al lavoro, storie al femminile che sono di esempio e sprone.

 

In questo panorama non è facile orientarsi, ma ci sono comunque alcune riviste femminili più lette che sono certamente interessanti per tutti. Ecco la nostra top five, tutte rigorosamente pari merito.

  • Vogue Italia – è la versione nostrana della celebre rivista fondata nel 1892 a New York da Arthur Baldwin Tunure, diventata una delle più prestigiose e autorevoli riviste di moda del mondo. Vogue è una vera e propria icona di stile che rappresentava le maggiori tendenze in fatto di moda e di società, ricomprendendo anche arte, cucina, cura di sé e soprattutto la fotografia, visto che da sempre i più grandi fotografi pubblicano qui i loro scatti migliori, da Richard Avedon a Helmut Newton per fare solo due nomi. Vogue Italia nasce dall'acquisto nel 1962 del mensile Novità da parte di Condé Nast, ma cambiò nome solo nel maggio 1966. Oggi Vogue esce con 12 numeri l'anno e con importanti allegati: Vogue Unique, dedicato all'alta moda e al lusso (marzo e settembre); Casa Vogue, un'esibizione unica degli interiors d'autore (aprile e ottobre); Shopping in Vogue (febbraio ed agosto) e Beauty in Vogue (maggio e novembre).
  • Vanity Fair - originariamente il titolo d’un romanzo di William Makepeace Thackeray, è una rivista nata nel 1913 dall’imprenditore Condé Nast. Nota per le foto che hanno spesso suscitato polemiche nel mondo giornalistico, la rivista è altrettanto famosa per i servizi di attualità. Vanity Fair è un settimanale di costume, cultura, moda e politica, che dal 2003 ha un’edizione italiana. Oggi vanta grandi firme in redazione: all'angolo della posta collabora la celeberrima Mina, nella rubrica che dal 2015 è gestita da Massimo Gramellini.
  • Glamour - è un mensile che nella versione italiana è nato nel 1992, mentre negli Stati Uniti è uscita nel 1939 con il nome di Glamour of Hollywood. La versione italiana nel 1998 ha introdotto il formato pocket, poi adottato nel resto del mondo. È stato il primo mensile di moda e beauty a puntare su cover girls come Kate Moss, Christy Turlington, Laetitia Casta e su giovani fotografi come Steven Meisel. Attraverso alcune donne famose affronta anche temi come i diritti umani o la fame nel mondo, mantenendo come per le interviste e le news una prospettiva fresca e innovativa.
  • Natural Stylein edicola dal 2003 è un mensile femminile di Mondadori con un approccio moderno e di tendenza. Moda, bellezza, casa, alimentazione, salute per una donna che ha scelto uno stile di vita naturale. Intercetta un trend che dà spazio unicamente a cibo di produzione biologica, fibre e lane pure nell’abbigliamento, materiali non trattati chimicamente nell’arredamento, cosmetici e cure che utilizzano i principi attivi vegetali per il benessere e la salute del corpo e così via.
  • Silhouette Donna - è una delle riviste per la salute e il benessere più diffuse in Italia, con un pubblico di riferimento ampio. Ogni mese ospita test e rubriche dedicate alla cura del corpo, alla moda, agli sport e al fitness, alla vita di coppia e al sesso. Una rivista che si occupa dei problemi femminili e che ha nella sua redazione diversi professionisti quali professori, medici, sessuologi e altri. Questo aspetto è una caratteristica particolare che permette alla rivista di rivolgersi a donne di ogni età, aprendo un dialogo vero e proprio, anche grazie ai consigli dei professionisti.
Vai all'archivio