Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
Area clienti
Login

Ricordami su questo dispositivo
Password dimenticata? Non sei registrato? REGISTRATI ORA
Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
menu

AREA CLIENTI
Ricordami su
questo dispositivo

  Password dimenticata? | Non sei registrato? REGISTRATI

Riviste per bambini dai 4 ai 6 anni: ecco le migliori

La lettura è un hobby che presenta molti vantaggi per chi si appassiona: migliora molte capacità espressive, consente di sviluppare la memoria, permette di scoprire storie, epoche e mondi sconosciuti, e molto altro. I genitori che amano questo passatempo sono i primi a voler trasferire la stessa passione ai figli, ma questa si rivela un’impresa non sempre facile. Bisogna sapere che lo sviluppo dei neonati prevede tappe che possiamo riassumere come segue: a 6 mesi i bimbi cominciano a manipolare e “assaggiare” i libri, che quindi devono essere resistenti, atossici, con pagine grosse e colori vivaci. Dai 12 mesi i bambini iniziano a interessarsi a figure che riguardano azioni per loro familiari, come mangiare, dormire o giocare, mentre dai due anni inizia l’interazione autonoma tra bambino e libro, e a 30 mesi si possono introdurre le fiabe tradizionali e le favole che aiutano a proiettare all’esterno paure ed emozioni.

 

Ci sono poi alcune condizioni che agevolano il momento della lettura con i bambini, come ad esempio scegliere alcuni minuti prima del sonnellino o della nanna in un luogo confortevole dove sedersi senza fonti di distrazione (televisione, radio, musica). Il bambino deve vedere le pagine e bisogna leggere creando le voci dei personaggi e un po’ recitando, mostrando le figure e facendo qualche domanda a seconda dell’età.

 

I libri non sono l’unico strumento che può avvicinare alla lettura, ma ci sono anche riviste per bambini piccoli che puntano molto sulle attività che propongono e che i bambini possono realizzare accompagnati da un adulto, genitore o nonno che sia. Spesso in questa categoria rientrano periodici che contengono disegni da colorare, giochi da svolgere, fumetti o storie da leggere, per variare le attività e mantenere l’attenzione dei più piccoli, che sicuramente non è facile da catturare.

 

Ovviamente occorre scegliere la rivista per bambini adatta all’età del lettore, alle sue capacità e al tempo che gli adulti possono dedicare a questo gioco istruttivo. Prima dell’età scolare le migliori riviste che si possono proporre e che trovate nella nostra edicola virtuale sono:

GBABY - il mensile pensato per i bambini della scuola materna, dai 3 ai 6 anni. È un supporto divertente propedeutico alla fase dell’alfabetizzazione, che propone giochi volti a far imparare a riconoscere le forme, le differenze, i colori. Naturalmente richiede il coinvolgimento degli adulti e quindi favorisce lo scambio intergenerazionale in momenti divertenti per tutti. Ogni numero propone facili lavoretti manuali, filastrocche e fiabe per allenare la memoria e si può anche scegliere la versione digitale, incluso nell’abbonamento.

Pixar Cars – il mensile nato dai fortunati film di animazione che hanno dato vita alle auto da corsa. Qui lo scopo è quello di far rivivere la magia dei film attraverso il gioco e infatti ogni uscita offre un modellino da collezione ed è completa di giochi, puzzle e fumetti sulle corse. Naturalmente catturerà l’attenzione soprattutto dei maschietti e sarà per loro un vero divertimento.

Art Attack Magazine – il mensile che nasce da un noto programma televisivo che ogni giorno propone attività per i bambini, allo scopo di stimolare la loro fantasia e la manualità. A ogni numero è abbinato un gadget che serve per realizzare alcune delle opere proposte che coinvolgono i personaggi Disney e tanta voglia di colorare, tagliare, incollare e sperimentare.

 

Per qualsiasi età ci sono riviste pensate appositamente, così da accompagnare nella loro crescita i ragazzi: diventeranno grandi lettori? Non si può dire a priori, ma sicuramente trascorreranno ore spensierate e allegre con il resto della famiglia e man mano in autonomia.

Vai all'archivio