Abbonamenti a Riviste Mensili, Periodici e Settimanali - Miabbono.com
menu
Categorie

Ricordami su
questo dispositivo

  Password dimenticata? | Non sei registrato? REGISTRATI

Categorie Riviste

ambiente energia & chimica
natura
analisi & gestione d'impresa
architettura & edilizia
arredamento & designarte
attualita'
botanica - orti & giardinicarta - artigrafiche - imballaggio
chimica - materie plastiche
cultura, societa' & politicaeconomia, diritto & finanzafood, cucina & enogastronomiagenitori & figlihobby & tempo liberoimpiantistica - impianto elettrico
internet, informatica & tecnologialibri di cucina
marketing & comunicazionemedicina & salutemoda cinema
beauty & estetica
pubblicazioni tecnico professionali per categoriascienza sporttecnologie alimentari
tecnologie per l'agricoltura
tecnologie per lo spettacolo
turismo & travel under 20varieveterinaria & zootecnica

LUIS BUNUEL. LA LOGICA IRRIDENTE DELL'INCONSCIO

LUIS BUNUEL. LA LOGICA IRRIDENTE DELL'INCONSCIOzoom

Acquista subito

12,90
 
+ 3,00 spedizione

Luis Buñuel, coetaneo del XX secolo, lo ha attraversato quasi per intero.
Nella sua opera cinematografica, dal folgorante esordio di Un chien andalou (1929) a Quell’oscuro oggetto del desiderio (1977), l’ultimo e definitivo capitolo della sua vicenda creativa, si coniugano la componente onirica surrealista e il realismo visionario spagnolo di Goya. I film realisti di Buñuel (come Las Hurdes, Nazarín, Viridiana) contengono sempre immagini surreali, i film surrealisti puri (L’âge d’or, L’angelo sterminatore), forti elementi di critica sociale.
Il surrealismo attraversa tutto il cinema buñueliano; emerge a tratti anche nelle produzioni di genere che il regista è costretto a girare nel suo esilio messicano. Quando, nella sua ultima stagione francese è finalmente libero dai condizionamenti produttivi, Buñuel riprende i temi surrealisti dei primi film e, modulandoli diversamente, li inserisce in quegli straordinari racconti picareschi che s’intitolano: Bella di giorno (1967), La via lattea (1969), Tristana (1970), Il fascino discreto della borghesia (1972), Il fantasma della libertà (1974).

Autore: Tonino Repetto
Edizioni Fondazione Ente dello Spettacolo
Anno Pubblicazione: 2008
Numero Pagine: 180
Formato: 12x19





abbonamenti riviste  |   regali originali  |   contatti